ortottista_l'esperto risponde (1)

Dr.ssa Ester Giulia Paolantonio

egp

 

 

 

Dentista Pediatrico – Ortodontista

Roma (Trastevere – San Giovanni – Ostia)

Contatti: tel. 3296775872    email egpaolantonio@libero.it

 

Quando devo portare il mio bambino dal dentista per la prima visita e come posso prepararlo ad affrontarla?

I primi denti da latte spuntano a 6 mesi e la dentizione da latte si completa a 2 anni. Sarebbe opportuno che da subito i genitori venissero informati dal dentista pediatrico su come mantenere sana la bocca del bambino (corretto stile alimentare e giuste abitudini di igiene orale domiciliare) perché purtroppo molti bambini soffrono di carie destruenti con perdita precoce dei denti decidui già in tenera età a causa di un eccesso di zuccheri nella dieta e scarse manovre di igiene orale, con dolore e infezioni dentali ricorrenti e ripercussioni negative anche sull’occlusione. Inoltre alcune abitudini quali il succhiamento prolungato e non nutritivo di ciuccio, tettarella o dito, la respirazione prevalentemente orale invece che nasale, la scorretta postura della lingua a riposo e durante la deglutizione possono concorrere allo sviluppo precoce di malocclusioni. Per questi motivi sarebbe opportuno che la prima visita sia quanto più precoce possibile in modo che questi problemi possano essere prevenuti o intercettati in tempo. E’ importante chela prima visita avvenga precocemente, già a 2 anni o anche prima, o comunque in uno stato di salute della bocca, prima che ci sia un problema, una carie, prima che il bambino abbia dolore ai denti. Dovrà essere un incontro conoscitivo piacevole con il dentista e il genitore dovrà evitare nei giorni precedenti la visita di usare parole come “paura, male, dolore, trapano, non preoccuparti” ma piuttosto dire che il dentista “conterà i denti con uno specchietto e un conta-denti”. Bisogna essere consapevoli del fatto che probabilmente saranno necessarie più sedute perché fra il bimbo e l’operatore si instauri il giusto feeling che poi permetta di eseguire le cure dentarie necessarie, senza forzature del bambino che potrebbero esitare in odontofobia e assenza di collaborazione. Consiglio perciò di scegliere un dentista pediatrico, chiamato pedodontista, una figura professionale dedicata e specializzata nel campo.